Sindaco di Riace liberato dai domiciliari, imposto però il divieto di dimora

Sindaco di Riace liberato dai domiciliari, imposto però il divieto di dimora

Italia, 17/10/2018

Intanto continuano gli aiuti dei volontari per assistere i 150 migranti

Domenico Lucano, sindaco di Riace, sospeso a causa della questione migranti che in questi giorni ha interessato la città, è stato liberato dall’obbligo degli arresti domiciliari dal tribunale del riesame di Reggio Calabria. In compenso però, gli è stato imposto il divieto di dimora, costringendolo ad andare via dal suo paese.

    Per la compagna di Lucano invece è stato imposto l’obbligo di firma, potendo però rimanere nel paesino della Calabria.

    A Riace intanto stanno provvedendo all’assistenza dei circa 150 migranti ancora in paese. Tra gli aiuti, la compagna stessa dell’ex sindaco, Tesfahun Lemlem, e altri numerosi volontari ancora intenzionati a portare avanti il “modello Riace”, con contributi e autofinanziamenti.

Commenta l'articolo

Guida ai comuni

Area download

  • Scarica la guida Aggiornamento Settimanale
  • Il nostro comune SPECIALE VAL D'ENZA
Ricerca attivita

Il sondaggio

×