Sanità, obbligo di vaccino per gli operatori a rischio

sanità

Reggio Emilia, Italia, 2018-03-16

Riguarda gli occupati nei reparti di oncologia, ematologia, neonatologia, ostetricia, pediatria, malattie infettive, pronto soccorso e nei centri trapianti

La regione Emilia-Romagna ha preso un importante decisione sanitaria. Solo gli operatori sanitari immuni da morbillo, parotite, rosolia e varicella potranno lavorare nei reparti di oncologia, ematologia, neonatologia, ostetricia, pediatria, malattie infettive, oltre che nei pronto soccorso e nei centri trapianti dell'Emilia-Romagna. Lo prevede un documento redatto dai medici del lavoro delle Aziende sanitarie, infettivologi ed esperti di Università e Regione.
    Nel caso in cui venga accertata l'assenza di immunità nell'operatore (medici, infermieri e ostetriche) - perché già vaccinato o per aver già avuto la malattia - e il rifiuto o l'impossibilità a sottoporsi alla vaccinazione specifica, il medico del Lavoro rilascerà un giudizio di idoneità parziale temporanea, con limitazioni a non svolgere attività sanitaria nelle aree ad alto rischio e a non prestare assistenza diretta a pazienti affetti dalle quattro patologie.

Ilato documento è st approvato dalla Giunta regionale.

Commenta l'articolo

Video del giorno

Trump rivendica i missili: "Damasco ha violato le Convenzioni sull'uso delle armi chimiche"

Immagine del giorno

Guerra in Yemen, Msf denuncia atroce emergenza umanitaria

Guerra in Yemen, Msf denuncia atroce emergenza umanitaria

Guida ai comuni

Area download

  • Scarica Il Giornale di Reggio Edizione del 19/05/2018
  • Scarica la guida Aggiornamento Settimanale
  • Il nostro comune SPECIALE VAL D'ENZA
Ricerca attivita

Il sondaggio

Warning: Variable passed to each() is not an array or object in /var/www/sarat1022/showx/showcore.inc.php(267) : eval()'d code on line 14
×