Reggio, si apre la personale di Marco Noviello

sogno 4

Reggio Emilia, Italia, 2018-04-27

Le opere dell'artista in mostra presso la galleria 1.1_Zenone Contemporanea

L'apertura al pubblico è prevista per le ore 18 di sabato 28 aprile, in Via San Zenone 11 a Reggio Emilia. Parliamo della mostra personale di Marco Noviello, "Materia del sogno", curata da Sebastiano Simonini e Antonio Malagoli e allestita  presso la Galleria 1.1 ZENONE contemporanea. 
Marco Noviello è un fotografo, non è un pittore né un performer. Non è un artista nel senso in cui normalmente si intende categorizzare chi lavora con l’immagine e creando immagini. Ambito, peraltro, sempre più indefinito questo della creatività, indefinibile essa stessa.
Dalla scultura al video, che si presenta come sogno. Il suggerimento di Noviello è questo, originando da materia prime e forme essenziali che ricompone formando altro e assumendo, nella forma del sogno, il desiderio non solo di sembrare, ma essere qualcosa d’altro. Stratificando materie e visioni l’opera muta continuamente il proprio aspetto per mantenersi in una rivoluzione perenne ed eternamente vitale, inestinguibile. 
Abbiamo, provocatoriamente, detto cosa Marco Noviello non è, ma crediamo si possa in realtà affermare che Marco è tutto quanto prima negato, perché, come pochi, è capace di padroneggiare tecniche e tecnologie, di vedere oltre quel sogno in cui risiede sempre l’embrione di ogni atto creativo che lui stesso descrive come “partendo da materie povere, destinate al macero, utilizzando scarti come base, cerco di dar loro una nuova forma, un nuovo colore e peso:  un prodotto diverso che cambi continuamente nel tempo e inducendo un’ulteriore rivoluzione, mescolando le materie con il video, ricomponendole tra di loro, integrandole tramite la progettazione al contesto in cui son poste. A volte diventano soggetti, a volte sfondo, co-protagonisti di una narrazione, come in “Nidra”, lo spettacolo di musica e video per la chitarra elettrica di Giacomo Baldelli (www.giacomobaldelli.it ), selezionato dalla Biennale delle Musica di Venezia 2018, opera nella quale i soggetti scultorei diventano eterei componenti di un sogno, di un viaggio all’interno dell’animo umano. Ed è quindi questa bramosia di ingannare, stratificando le materie e la fantasia delle visioni che si permette all’opera di poter cambiare ancora di aspetto per mantenerla in una condizione perennemente vitale”.
 
Il Bramante Marco Noviello opera a Scandiano dal 2003. Dopo una formazione da fotografo presso lo studio di Fabrizio Ceccardi (www.fabrizioceccardi.com) e Raffaello de Vito www.behance.net/RaffelloDeVito) intraprende il proprio percorso dedicandosi alla scultura e al video come forma espressiva.
Fonda, nel 2010, “OOOPStudio” (http://ooopstudio.it) assieme ad Alessandro Grisendi creando, a fianco di differenti realtà artistiche a livello internazionale, progetti per il teatro, la musica, festival e performance. 
Un’assidua attività creativa che li ha portati ad essere video scenografi presso il teatro Alla Scala, per l’apertura della stagione di danza 2015/2016.
 
Commenta l'articolo

Video del giorno

Trump rivendica i missili: "Damasco ha violato le Convenzioni sull'uso delle armi chimiche"

Immagine del giorno

Guerra in Yemen, Msf denuncia atroce emergenza umanitaria

Guerra in Yemen, Msf denuncia atroce emergenza umanitaria

Guida ai comuni

Area download

  • Scarica Il Giornale di Reggio Edizione del 15/09/2018
  • Scarica la guida Aggiornamento Settimanale
  • Il nostro comune SPECIALE VAL D'ENZA
Ricerca attivita

Il sondaggio

Warning: Variable passed to each() is not an array or object in /var/www/sarat1022/showx/showcore.inc.php(267) : eval()'d code on line 14
×