Università Modena e Reggio, nuova scoperta sul tumore alla prostata

unimore

Bologna, Italia, 16/05/2018

Renderà possibile una diagnosi più precoce

Importante scoperto dei ricercatori dell'Università di Modena eReggio Emilia. Riguarda un metodo nuovo per valutare biomarcatori oncologici circolanti nei fluidi biologici, denominato 'biopsia liquida'.

    La sua importanza, spiega il prof.Giovani Ponti del Dipartimento di Medicina Diagnostica, Clinica e di Sanità Pubblica di Unimore, coordinatore assieme ad altri specialisti dello studio, "deriva dal fatto che sopperiscono alle limitazioni di specificità e sensibilità del Psa, unico marcatore di rischio ad oggi utilizzato nell'ambito dello screeninga delle neoplasie prostatiche" come riportato in una agenzia dell'Ansa..
I tumori della prostata sono la seconda neoplasia più frequente tra individui occidentali. La scoperta infatti riguarda tra l'altro la presenza nel liquido seminale dei pazienti affetti da cancro prostatico di una concentrazione di Dna libero circolante significativamente maggiore rispetto agli individui sani arruolati, quali controllo, ed ai pazienti con la sola iperplasia prostatica benigna.

La scoperta potrà agevolare la diagnosi precoce.

Commenta l'articolo

Primo piano

Video del giorno

Trump rivendica i missili: "Damasco ha violato le Convenzioni sull'uso delle armi chimiche"

Immagine del giorno

Guerra in Yemen, Msf denuncia atroce emergenza umanitaria

Guerra in Yemen, Msf denuncia atroce emergenza umanitaria

Guida ai comuni

Area download

  • Scarica la guida Aggiornamento Settimanale
  • Il nostro comune SPECIALE VAL D'ENZA
Ricerca attivita

Il sondaggio

Warning: Variable passed to each() is not an array or object in /var/www/sarat1022/showx/showcore.inc.php(267) : eval()'d code on line 14
×